Dalle origini Greche a quelle Sumere

Da un paio di secoli circa, e cioè grosso modo a partire dalle prime spedizioni di Napoleone Bonaparte (1769- 1821) in Egitto, il sapere riconosciuto e accettato ha cominciato a non identificare più le “origini della civiltà” nei meravigliosi fasti dell’antica Grecia.

Infatti, dopo la Rivoluzione francese del 1789, l’imporsi di un Nuovo ordine mondiale e l’affacciarsi dell’Archeologia attuale hanno proposto sempre di più un’alternativa visione storica tesa a rintracciare le origini della civiltà (anche occidentale) prima nell’antico Egitto e poi in Mesopotamia, più precisamente nell’originaria Sumeria.

Ciò è avvenuto, come al solito, per ragioni scientifiche, legate al mondo del sapere, ma anche per motivi politici, strettamente connessi al regno del potere, mentre, proprio recentemente, anche le opere dello studioso alternativo Zecharia Sitchin (1920-2010) hanno finito per condurre molti lettori verso le stesse convinzioni.

Solo per fare un esempio il progressivo abbandono della metafisica tradizionale (platonica, aristotelica e poi scolastica), proposto dalla filosofia moderna, ha determinato, volente o nolente, la perdita di prestigio del mondo ellenico, o quanto meno di certe autorità riconosciute come Platone (428/427 a.C.-348/347 a.C.) e Aristotele (384/383 a.C.-322 a.C.).

Il sapere-potere costituito e riconosciuto ha dunque cominciato ad abbandonare prima le dottrine cattoliche, poi il Cristianesimo tout court e infine l’antica filosofia greca, ledendo fortemente l’arcaica dicotomia tra oriente e occidente per un forzoso ritorno alle tradizioni di dominio ed esoterismo tipiche della sapienza medio-orientale.

Una delle possibili spiegazioni a questi epocali cambiamenti si può ritrovare a pagina 173 della voluminosa opera “Guida alla cospirazione globale” (Macro edizioni, Gennaio 2009) dell’ex giornalista ed esperto di controinformazione David Vaughan Icke (classe 1952):

“Non è possibile capire la natura della cospirazione e i suoi esecutori senza conoscere le vere origini dei Rothschild. Costoro sono famosi per essere ebrei, ma in realtà non sono affatto ebrei. Sono Sumeri con l’aggiunta di altre discendenze, e la loro vera storia rivela un altro itinerario che questa stirpe illuminata ha percorso da Sumer fino al cosiddetto mondo moderno.”

E a pagina 101 di una sua altrettanto voluminosa opera successiva intitolata “Il risveglio del leone” (Macro edizioni, Maggio 2011) lo stesso Icke ha ribadito la medesima opinione scrivendo:

“Ci hanno sempre fatto credere che i Rothshild siano una famiglia ebraica la cui origine risalirebbe all’Egitto e all’Israele narrati nel Vecchio Testamento biblico. Ma in realtà non è così. I Rothshild sono sumeri e ho raccontato dettagliatamente la loro storia nel mio libro Guida alla cospirazione globale“.

Nell’immagine una rielaborazione della ricostruzione “The Palaces of Nimrud Restored”, realizzata nel 1853 dall’architetto James Fergusson per l’archeologo Sir Heny Layard.