In nome della Vergine

Durante il Rinascimento italiano la Famiglia più potente di Firenze scelse come suoi principali Portavoce nel mondo delle Lettere ed in quello delle Arti un Filosofo e un Pittore ovvero Marsilio Ficino e Sandro Botticelli.

Ora da uno Sguardo anche superficiale alle opere pittoriche di quest’ultimo e da una Lettura altrettanto frettolosa degli scritti del primo, ci si accorge che il Botticelli ha trasposto in Figure le Teorie del Ficino secondo un modo di procedere tipicamente “artistico” che il filosofo moderno Benedetto Croce ha codificato in alcuni suoi saggi.

La Città di Firenze, negli intenti dei Medici, avrebbe dovuto essere una nuova Atene, retta da un’Accademia sul modello di quella Platonica che avrebbe trovato una sua adeguata raffigurazione ne “La scuola di Atene” di Raffaello Sanzio.

Per mettere in piedi tale Istituzione proprio lo stesso Marsilio Ficino era stato incaricato di tradurre direttamente dal greco tutti quei testi dei filosofi greco-antichi, platonici, neoplatonici e non, che si erano salvati dall’incendio appiccato dai primi Cristiani parabolani alla biblioteca di Alessandria.

“Nel mezzo del cammin di nostra vita” dunque anch’egli, come il poeta e scrittore Dante Alighieri, era stato per così dire travolto da una Crisi mistica guidata dalla Figura della Vergine Maria che lo aveva condotto, tramite un certo tipo di Predestinata Grazia, a prendere i voti di Sacerdote.

La sua sarebbe però stata una Fede religiosa di un tipo speciale in quanto egli credeva fermamente nell’Accordo delle tre grandi Confessioni monoteistiche sopra il “Minimo comune denominatore” della dottrina Platonica.

E proprio sotto il segno di un “Intreccio” quanto mai prolifico tra Filosofia e Religione aveva elaborato la sua personale concezione di una Pia filosofia, meglio nota come “Teologia platonica”, titolo peraltro della sua Summa principale.

Marsilio Ficino fu sepolto nella Chiesa principale di Firenze, non a caso un Edificio della Mente e delle Membra che trasse il suo nome dal ricordo della Vergine, Santa Maria del fiore.