Medioevo postmoderno

Come ho avuto modo di rilevare anche in altri scritti precedenti a questo, credo che ci si possano ravvisare alcune significative Somiglianze tra i Caratteri fondamentali dell’Epoca presente, o Post-moderna, e i Tratti più caratteristici dell’Età medioevale, o Post-antica.

Ho usato quest’ultima espressione di proposito nella convinzione che gli abitanti di quell’epoca, quantomeno al suo inizio, non potevano concepirla certo come media ma solo come un Tempo post-antico, “Dopo gli antichi” appunto.

La prima caratteristica che mi è saltata agli occhi sono state certe analogie di Struttura e di Funzione tra i Paradigmi fondamentali delle due epoche, la Metafisica Aristotelico scolastica e il Paradigma evoluzionistico darwiniano da un lato, e le Credenze sostanziali delle due età dall’altro: la Teologia patristico-scolastica e la Tecnologia analogico-digitale.

Se infatti paragoniamo i Concetti euristici dell’Aristotelismo con quelli Metodologici del Darwinismo troviamo che il “Motore immobile” corrisponde all’incirca alla “Selezione naturale“, che il concetto di “Sostanza” anticipa quello di “Specie” e che, all’Eterno movimento circolare fisico in Aristotele si può sostituire quello Lineare biologico in Charles Darwin.

A proposito di Biologia, ad ogni modo, non vi sono dubbi nella comunità scientifica che sia stato lo Stagirita il fondatore della Scienza della vita, ma a questa momentanea certezza, si può anche aggiungere l’articolazione in Sostanza, Potenza e Atto che, di per sé, anticipa già in qualche modo la Genetica contemporanea.

In questo senso Martin Heidegger non ha avuto torto nell’affermare che: “Ogni tentativo di andare oltre la Metafisica Aristotelica è vano. Non si può oltrepassarla senza rinunciare al linguaggio stesso dell’occidente.”

A queste convinzioni si aggiunge il mio consueto raffronto tra alcune Caratteristiche significative della Situazione contemporanea o postmoderna, ed altrettanti Tratti salienti dell’Età medioevale o post-antica.

Laddove infatti nella prima si ravvisano l’Evoluzionismo darwinista e la Tecnologia come fede incondizionata nella Tecnica, nella seconda si ravvisano la Teologia, vale a dire la fede incontestabile in Dio, e la consueta Metafisica aristotelica.

07 A ciò si possono aggiungere ancora altri elementi di Rassomiglianza:

A) la Socialdemocrazia quale ultimo richiamo al Cristianesimo cattolico che del resto ha contribuito in modo cospicuo alla fondazione del concetto moderno di Europa;

B) la Semiologia informatica legata all’utilizzo di Codici specialistici che ricorda da vicino i Codici medioevali miniati nei conventi e nelle abbazie.

Alcuni Sommovimenti sociali come la Crisi dei valori tradizionali, l’Impoverimento delle masse e una conseguente Massiccia immigrazione.

08 Ricapitolando e aggiungendo alcuni punti abbiamo dunque:

A) L’Evoluzionismo darwiniano in luogo della Metafisica aristotelica;

B) La Tecnologia al posto della Teologia;

C) Il Modello Socialdemocratico in luogo del Potere Temporale e Spirituale della Chiesa cattolica, che tuttavia, se pur in forme più o meno accentuate secondo il luogo, è sopravvissuto;

D) La Semiologia informatica in luogo della Semiologia latina, liturgica e miniata.

Di tale ultimo raffronto si può evidenziare il proliferare di Icone, Loghi, Stemmi e dell’attenzione che in questo periodo la letteratura e l’interesse storico, anch’essi di stampo Semiologico e Archeologico, hanno dedicato al tema dell’Età di mezzo (e non solo nell’opera di J.R.R. Tolkien con la sua “Terra di mezzo”).

E) Certe Coincidenze storiche come la “Guerra fredda” tra U.s.a. e U.r.s.s. appena prima dell’inizio dell’epoca postmoderna ricorda poi la Divisione del mondo occidentale tra Impero romano d’occidente e Impero romano d’oriente qualche decennio prima delle Invasioni barbariche. Queste ultime hanno  visto l’insorgere di un’altra somiglianza tra la dicotomia Romani/Barbari e quella tra Europei ed Extracomunitari.

F) Non da ultimo andrà sottolineato il ruolo della Scrittura in uno scenario in cui i Tasti del copia e incolla possono sostituire intere Abbazie e Stuoli di Frati come tanti Hackers amanuensi al lavoro.

09 E’ sottinteso in questo mio Discorso che le grandi Meta-narrazioni sono rimaste i “Frutti della Modernità” e che non sono mai uscite dal loro giardino.