Scismi, Conversioni e Alleanze

L’ipotesi che la Religione Cristiana sia sorta attraverso uno scisma interno al mondo ebraico appare verosimile per numerosi ed evidenti motivi.

Innanzi tutto erano ebrei Gesù Cristo (molto probabilmente Giovanni di Gamala figlio del capo degli Zeloti Giuda il Galileo, vissuto durante il I secolo d. C.), il padre del Cristianesimo San Paolo di Tarso (5 d. C.-67 d. C.) e gli stessi Apostoli, qualora siano realmente esistiti e chiunque essi fossero.

In secondo luogo era ebraica la fonte da cui ci è pervenuta la maggior parte delle informazioni circa gli eventi storici accaduti nell’epoca in cui sarebbe vissuto il Messia, ovvero lo storico ebreo-romano Tito Flavio Giuseppe nato Yosef ben Matityahu (37 d. C.-100 d. C.).

Inoltre erano ebree le Comunità essene, che secondo molti esperti del Cristianesimo primitivo come ad esempio  Luca Cascioli (1934-2010), Emilio Salsi (classe 1940), David Donnini (classe 1950) e Giancarlo Tranfo (classe 1956) avrebbero costituito il nucleo originario e originale del cosiddetto “Messianismo”.

Il Vecchio ordine mondiale nacque dunque come un’alleanza di tipo ufficiale fra i Vertici cristiani e le Casate regnanti, di volta in volta al comando, generando prima l’Impero romano cristiano, che avrebbe dominato durante l’ultima fase dell’Epoca antica, e poi il Sacro romano impero, che avrebbe imposto il suo potere per tutto il Medioevo e addirittura oltre.

I vertici del potere cristiano si sarebbero quindi alleati prima con l’Imperatore Costantino (272 d. C.-337 d. C.) poi con Carlo Magno (742 d. C.-814 d. C.) della Dinastia Carolingia, e in seguito con la Casata degli Asburgo d’Austria, che avrebbe regnato anche sulla Spagna e sui Paesi Bassi solo per citare alcuni esempi.

Ora, stabilito quale fu il corso dell’Epopea Cristiano-Cattolica fino al recente affermarsi della deriva gesuita che cosa ne fu della Religione ebraica, professata ancor oggi da circa 14 milioni di seguaci nel mondo?

Verosimilmente essa si alleò alle correnti gnostico-ermetiche inizialmente soppresse per poi risorgere attraverso alcuni eventi ormai arcinoti quali furono:

a) la conversione del Gran Khanato di Khazaria o Impero di Khazaria all’Ebraismo, avvenuta tra l’VIII e il IX secolo dopo Cristo;
b) l’affermarsi, già a partire dal Medioevo delle potenze marittime di Venezia ed Amsterdam, in cui si situarono e si trovano ancor oggi importanti comunità ebraiche;
c) l’ascesa, nel XVI secolo, dei vari Protestantesimi, dottrinalmente più vicini alle Credenze ebraiche;
d) la fondazione della famigerata Compagnia di Gesù, per opera di Ignazio da Loyola (1491-1556), nel 1534 a Parigi;
e) la salita al trono inglese di Guglielmo III d’Orange, poi Guglielmo III d’Inghilterra (1650-1702), avvenuta il 13 febbraio 1869;
f) la fondazione degli Stati Uniti d’America, proclamati ufficialmente con la dichiarazione d’indipendenza del 4 luglio 1776;
g) l’abbattimento degli Imperi Austro-ungarico, Ottomano e Russo, tramite il primo conflitto mondiale tra l’estate del 1914 e l’inverno del 1918;
h) la fondazione dello Stato d’Israele nel 1948, ad opera del Movimento sionista, fondato ufficialmente dal giornalista ashkenazita Theodor Herzl (1860-1904) alla fine del XIX secolo ma finanziato da Edmond James de Rothshild (1845-1934) già a partire dal 1882.
Nell’immagine i resti di una Sinagoga nel sito dell’antica città di Gamala, situata sulle alture del Golan.