Sogni da Svegli

Nelle sue celebri trenta Lezioni d’“Introduzione alla Psicoanalisi”, svoltesi tra il 1915 e il 1916 ma pubblicate tra il 1916 e il 1917, il padre dello stesso Metodo psicoanalitico Sigmund Freud ha anche affermato che “il Sogno è il guardiano del Sonno”.

Secondo tale Teoria avviene in sostanza che il Dormiente non esce dal suo stato di Sonno fino a quando è impegnato a contemplare la Breve Narrazione del Sogno.

Un Fenomeno simile avviene con i grandi Strumenti di Comunicazione come ad esempio la Televisione che in frequenti circostanze addormentano letteralmente la Coscienza dello Spettatore.

Si tratta quindi di un Processo valido in entrambi i casi e che si ricollega in un modo o nell’altro a quel che generalmente viene chiamato il “Metodo ipnotico”.

Infatti accade che sotto l’effetto dell’Ipnosi l’Inconscio è in balia delle domande effettuate dallo Psicoterapeuta in un modo simile a quello in cui lo Spettatore e il Sognatore subiscono le immagini dei Mass-media e del Sogno.

E a questo stesso proposito va anche ricordato che curiosamente l’interesse per i Fenomeni onirici inconsci e l’Arte cinematografica hanno avuto inizio proprio negli stessi anni ovvero tra la seconda metà del 1800 e la prima metà del 1900.

Ma la cosa ancora più stupefacente è che i Mezzi di comunicazione di massa possono presentarci tante Brevi narrazioni, illusorie esse stesse, allo scopo di creare in noi grandi Credenze e Metanarrazioni così come ampi Resoconti di più largo respiro.

Si tratta ad esempio di quel che è avvenuto per alcuni recenti Casi di Cronaca che i principali Telegiornali ed alcuni Programmi di Pseudo-approfondimento ci hanno esposto fino alla noia come Esempi, per così dire Fatti sociali considerati estremamente significativi.

Molte brevi narrazioni di questo tipo hanno infatti indotto la nostra Mente a formarsi un certo Identikit dell’Assassino ideale mai avvocato, mai libero professionista, mai notaio, mai giudice eccetera eccetera.

Ma questo tipo di Assassino della porta accanto che le molteplici narrazioni televisive hanno introdotto nella nostra Coscienza è assai distante dalla Raffigurazione che lo scrittore scozzese Robert Louis Stevenson ci ha dato dell’Uomo di potere nel suo famosissimo Pamphlet “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde” del 1886.

Può allora anche darsi che i grandi Mezzi di Comunicazione svolgano nei fatti il Ruolo di grandi Guardiani di un Sonno prima Sociale e poi Globale che riguarda nei fatti gran parte della nostra Esistenza.

Immagine tratta dal Film “The Truman Show” di Peter Weir del 1998