G.W.F. Hegel

Dall’Intelletto comune allo Spirito universale

A pagina 75 dell’opera “Sistema dell’Idealismo trascendentale”, pubblicata per la prima volta dal filosofo tedesco F.W.J. Schelling (1775-1854) nel 1800 e qui citata nell’edizione Bompiani Testi a fronte (Milano, gennaio 2006), è possibile leggere:   “Resta inteso che il mondo oggettivo appartiene unicamente a quelle limitazioni necessarie che rendono possibile l’autocoscienza (l’io sono); per l’intelletto comune […]

Dalla Contemplazione alla Relazione

Nel suo famoso saggio sulla “Differenza tra il sistema filosofico di Fichte e quello di Schelling”, pubblicato per la prima volta a Jena nel 1801, G.W.F. Hegel (1770-1831) si è schierato dalla parte dell’allora amico F.W.J. Schelling (1775-1854) nella difesa di un “idealismo oggettivo”, interpretato come una sorta di sintesi tra l’idealismo soggettivo tedesco e […]

La Società aperta e i Filosofi

È giunto anche per me il momento di fare i conti con un Classico della Filosofia occidentale ovvero “La Società aperta e i suoi nemici” del filosofo austriaco, naturalizzato britannico, Karl Raimund Popper (1902-1994). La prima domanda che oggi viene da porsi, riflettendo semplicemente sul titolo dell’opera, è “quanto aperta può e/o deve essere questa società?”  Già perché […]

Oltre le Rovine dello Spirito

L’imponente Sistema filosofico eretto dal maggior esponente dell’indirizzo idealista G.W.F. Hegel (1770-1831) ha rappresentato e rappresenta ancor oggi, secondo autorevoli pareri, la sintesi razionale più alta, o per così dire l’apice estremo, che la filosofia occidentale abbia potuto raggiungere nel corso dell’epoca moderna.   Seguendo la logica di un tempo lineare che a partire dalle “Confessioni” di Sant’Agostino (354 d.C.-430 […]

Da Shakespeare a Hegel

Sempre a proposito delle opere attribuite a William Shakespeare a pagina 116 del “Grande libro dei misteri irrisolti” di Colin e Damon Wilson (Newton Compton editori 2006) è possibile leggere: “Le opere attribuite a Shakespeare sarebbero state redatte da un gruppo di illuminati e sapienti studiosi che avrebbero utilizzato il suo nome come paravento per portare in […]

Lo Spazio-tempo e il Sapere-potere

Nel campo positivo della scienza fisica con il termine “spazio-tempo”, o “crono-topo”, si è indicata e si indica a tutt’oggi la struttura quadridimensionale dell’universo. Com’è noto il concetto è stato introdotto dal fisico Albert Einstein nell’ambito della “Teoria della relatività ristretta”, o “Relatività speciale”, nel 1905.   Secondo tale teoria l’universo sarebbe composto da quattro dimensioni, le tre […]

Eraclito e il Pensiero esoterico

Come ho avuto modo di scrivere in un articolo apparso su questo blog Novo Stilos il 6 Agosto del 2015 sostengo ancora oggi che l’esponente più accreditato dell’idealismo tedesco G.W.F. Hegel abbia intrattenuto stretti rapporti con il pensiero esoterico e la tradizione rosacrociana. Lo stesso autore di Stoccarda ha sottolineato l’influenza della filosofia eraclitea sul […]

Intelletto, Spirito e Volontà

La parola italiana “Ragione” è stata generalmente utilizzata per indicare l’insieme pressoché stabile di quelle Categorie e Regole atte a fissare i significati (Teoretica) e a regolare le azioni (Etica) in modo sufficientemente determinato. La ragione, nel senso or ora inteso, limita e circoscrive l’inattesa Oscillazione dei significati basandosi sui principi, confermati e codificati dai filosofi […]

Hegel e la Rosacroce

Nell’introduzione al suo libro ormai classico “Da Hegel a Nietzsche”, in un sottocapitolo intitolato significativamente “Rosa e croce”, lo Storico del Pensiero moderno Karl Lowith ha fatto una breve menzione dell’avvicinamento del Filosofo tedesco G.W.F. Hegel all’Ordine segreto dei Rosacroce:  “Il Lasson ha spiegato esaurientemente queste parole di Hegel, facendo però scomparire il senso teologico della croce […]